stemma della regione
      Regione Piemonte
Accedi ai servizi
Utenti con dislessia
logo del comune
Città di Racconigi
Stai navigando in : Le News
La nuova rassegna teatrale “Raccordi” dal 19 novembre 2022 - 18 marzo 2023 al Salone Soms.

La nuova rassegna teatrale "Raccordi" a Racconigi
di Progetto Cantoregi e Piemonte dal Vivo
 
19 novembre 2022 - 18 marzo 2023
Soms, Racconigi (via Carlo Costa 23) 
progettocantoregi.it- piemontedalvivo.it

Dalla collaborazione tra Piemonte dal Vivo e Progetto Cantoregi nasce la nuova rassegna Raccordi: un’occasione di incontro, scambio e riflessione, un calendario di appuntamenti per esplorare la scena teatrale di innovazione contemporanea, non solo italiana, e portare alla Soms di Racconigi le produzioni che si concentrano sui temi dell’impegno civile e sociale. Uno spettacolo al mese da novembre 2022 a marzo 2023.

Per questa prima edizione sono attesi sul palco della Soms di Racconigi (via Carlo Costa 23): 
  • Irene Dionisio e Francesca Puopolo con "Queer Picture Show" (19 novembre, ore 21) 
  • il New Queer Cinema raccontato con i linguaggi del digitale dal Premio Ubu Giovanni Anzaldo, in continuo movimento in un labirinto di immagini,
  • Sotterraneo, Premio Ubu 2018 per "Overload", con "Shakespearology" (3 dicembre, ore 21) un’intervista impossibile rivolta direttamente a Sir William Shakespeare in carne e ossa sulla sua vita, la sua opera, la sua eredità culturale; 
  • Kronoteatro con "La fabbrica degli stronzi" (14 gennaio 2023, ore 21), una provocazione surreale sul paradigma vittimario così radicato oggi nei media, nella famiglia e nel nostro modo di abitare il mondo; 
  • Babilonia Teatri con "Giulio Meets Ramy / Ramy Meets Giulio" (19 febbraio 2023, ore 17), che parte dalla drammatica vicenda di Giulio Regeni per riflettere su cosa significhino Stato, giustizia e legalità, con il cantante Ramy Essam, voce della rivoluzione egiziana, dal 2014 in esilio, su cui pende un mandato di cattura per terrorismo dal parte dell’Egitto (spettacolo inserito anche nella rassegna CuneiForme di Progetto Cantoregi); 
  • Olivier Dubois, coreografo e ballerino di fama internazionale, con lo spettacolo di danza "My Body of Comung Forth by Day" (18 marzo 2023, ore 21), un gioco di specchi per approfondire il tema dell'arte e della creatività. 

"Raccordi" è un progetto selezionato dal bando Cortocircuito 2022 - Piemonte dal Vivo.
Il visual è di Valeria Cardetti.

Biglietti singoli: 15 euro / 12 euro ridotto (under 26 e over 65)
Abbonamento: 50 euro 
Info e prenotazioni (prenotazione non obbligatoria):
349.2459042- info@progettocantoregi.it - www.progettocantoregi.it

Link foto spettacoli:
https://drive.google.com/drive/folders/19vCKC-5ysTy2MXChRSlJQEL3UBhn0FG-?usp=sharing

IL PROGRAMMA IN DETTAGLIO

SABATO 19 NOVEMBRE / ORE 21
QUEER PICTURE SHOW
di Irene Dionisio e Francesca Puopolo
Il New Queer Cinema raccontato con i linguaggi del digitale da un attore che si muove in un labirinto di immagini. Da Gus Van Sant a Todd Haynes, da Derek Jarman a Bruce LaBruce. 
Il New Queer Cinema è quella corrente cinematografica che tra la metà degli anni ’80 e i primi ’90 del Novecento ha mobilitato la comunità LGBTQI+ attorno a una serie di titoli e di autori, cementandone l’identità. La regia di Irene Dionisio racconta tutto questo nella forma di una performance multimediale, con un narratore d’eccezione, il Premio Ubu Giovanni Anzaldo, che si muove in un caleidoscopio visivo, tra estratti delle pellicole dei maggiori autori del periodo.

regia Irene Dionisio
con Giovanni Anzaldo
musiche Sweet Life Society
videoscenografie Aurora Meccanica
disegno Luci Fabio Bonfanti
costumi Roberta Vacchetta
progetto dell’Associazione Àltera
realizzato con il sostegno di Compagnia di San Paolo
nell’ambito del Bando ORA! Produzioni di Cultura Contemporanea,
in collaborazione con CIRMA dell’Università degli Studi di Torino
distribuito da Wild Strawberries Lab

-

SABATO 3 DICEMBRE / ORE 21
SHAKESPEAROLOGY
di Teatro Sotterraneo
Shakespearology è un one-man-show, una biografia, un catalogo di materiali shakespeariani più o meno pop, un pezzo teatrale ibrido che dà voce al Bardo in persona e cerca di rovesciare i ruoli abituali: dopo secoli passati a interrogare la sua vita e le sue opere, finalmente è lui che dice la sua, interrogando il pubblico del nostro tempo.
Dice Salinger: "quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di 
leggere vorresti che l’autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono". 
È da un po’ di tempo che volevamo usare il teatro come quella famosa telefonata, per 
incontrare Sir William Shakespeare in carne-e-ossa e fare due chiacchiere con lui sulla sua biografia, su cosa è stato fatto delle sue opere, su più di 400 anni della sua storia post mortem dentro e fuori dalla scena- come se accompagnassimo Van Gogh al Van Gogh Museum o Dante in mezzo ai turisti che visitano la sua abitazione fiorentina.
Partiamo dall’immaginario collettivo per parlare con Shakespeare. Certo, non sarà il vero, 
autentico, originario William Shakespeare, ma se riusciamo a incontrare anche uno solo dei 
possibili Shakespeare, forse l’esperimento potrà dirsi riuscito.

concept e regia Sotterraneo
in scena Woody Neri
scrittura Daniele Villa
luci Marco Santambrogio
costumi Laura Dondoli
sound design Mattia Tuliozi
tecnica Monica Bosso
produzione Sotterraneo
sostegno Regione Toscana, Mibact
residenze artistiche Centrale Fies_art work space, CapoTrave/Kilowatt, Tram- Attodue, 
Associazione Teatrale Pistoiese

--

SABATO 14 GENNAIO / ORE 21
LA FABBRICA DEGLI STRONZI
di Kronoteatro
L’incontro sorprendente tra le compagnie Maniaci d’Amore e Kronoteatro, diverse ma accomunate da uno sguardo impietoso sul reale, porta lo spettatore in un mondo isterico, meschino, fatto esclusivamente di vittime. Siamo attorno alla salma di una donna. I tre figli devono lavarla, truccarla e vestirla prima del funerale. Mentre la preparano ripercorrono piccoli episodi significativi della vita familiare. Si tratta di eventi neutri, ma sempre vissuti come terribili abusi, alibi perfetto per continuare una vita senza responsabilità. Per questi personaggi la colpa di ogni loro sofferenza, frustrazione e sventura è sempre attribuita a qualcun altro: la crudeltà dell’altro sesso, la ferocia dei bulli, il duro mondo del lavoro. Ma soprattutto, lei: la madre.
A partire da alcune letture fondamentali, tra cui "Critica della vittima" di Daniele Giglioli e "La 
società senza dolore" di Byung-chul Han, lo spettacolo esplora, con livido umorismo e qualche baluginio di tenerezza, il paradigma vittimario così radicato oggi nella psicanalisi, nei media, nella famiglia, nel nostro modo di abitare il mondo. Lo stile sospeso, surreale, dei Maniaci d'Amore si sposa così con quello abrasivo, amaro, di Kronoteatro, in un lavoro originale che esplora il gusto tutto contemporaneo di riconoscersi non in chi agisce ma in chi subisce, la gara popolare a chi sente di bruciare di più nell’inferno che sono gli altri.

drammaturgia Maniaci d’Amore
con Tommaso Bianco, Francesco d’Amore, Luciana Maniaci e Maurizio Sguotti
regia Kronoteatro e Maniaci d’Amore
scene e costumi Francesca Marsella
disegno luci e responsabile tecnico Alex Nesti
produzione Kronoteatro
coproduzione Teatro Nazionale di Genova
con il sostegno di PimOff Milano

-

DOMENICA 19 FEBBRAIO / ORE 17
GIULIO MEETS RAMY / RAMY MEETS GIULIO
di Babilonia Teatri
Babilonia Teatri parte dalla scomparsa di Giulio Regeni al Cairo il 25 gennaio 2016. Per costruire con Giulio meets Ramy / Ramy meets Giulio uno spettacolo che ci mette davanti un cittadino italiano, con passaporto italiano, che subisce lo stesso trattamento che generalmente spetta agli egiziani invisi al regime. Sul palco, a cantare contro i regimi, c’è Ramy Essam, conosciuto oggi in Egitto come la voce della rivoluzione, dal 2014 in esilio con sulla sua testa un mandato di cattura per terrorismo, cantore da sempre di libertà e giustizia per il suo popolo. Le canzoni di Ramy danno voce a domande profondamente concrete e politiche: "Cosa significa Stato. Cosa significa giustizia. Cosa significa potere. Cosa significa polizia. Cosa significa processo. Cosa significa legalità. Cosa significa carcere. Cosa significa tortura. Cosa significa opinione pubblica. Cosa significano giornalismo e libertà d'informazione". L’intento ultimo è una riflessione su quali siano le priorità e quali i valori che 
lo Stato pone a suo fondamento, quali gli obiettivi che persegue e i diritti che tutela.

di Valeria Raimondi e Enrico Castellani
con Ramy Essam, Enrico Castellani, Valeria Raimondi e Amani Sadat
direzione di scena Luca Scotton
produzione Teatro Metastasio di Prato

--

SABATO 18 MARZO / ORE 21
Rassegna We Speak Dance
MY BODY OF COMING FORTH BY DAY
di Olivier Dubois
creazione e interpretazione Olivier Dubois
luci e suoni François Caffenne
produzione Compagnie Olivier Dubois I COD
coproduzione Festival BreakingWalls / Le Caire - Le CENTQUATRE / PARIS
Per questo nuovo spettacolo, il coreografo e ballerino di fama internazionale, è solo sul palco. Azionando qualsiasi artificio o rete di sicurezza, è vittima consenziente di un gioco che ricorda a turno un'udienza in tribunale, un peep show e una vivisezione. In un percorso casuale seguito dal pubblico secondo regole prestabilite, rivisita alcuni dei sessanta spettacoli a cui ha preso parte dall'inizio della sua carriera.
Stanotte, stanotte, stanotte. Il mio corpo come il Libro dei Morti! Il mio corpo come un lungo ricordo. Porto dentro di me migliaia di movimenti, gesti, posizioni, intenzioni, sentimenti. Sudore, emorragie, centinaia di ferite, cicatrici, gioia e dolore. Cosa resta di tutto questo? Cosa ricordo? Potremmo anche considerarci- intendo noi artisti- come opere d'arte per il semplice fatto che i nostri corpi contengono la carne dell'arte performativa? Non risponderemo ora a queste domande, ma cercheremo insieme di fare un nuovo passo, un passo attraverso una dissezione del mio corpo come ricordo, come megafono della perdita di me stesso per l'arte. Propongo un gioco, potrebbe essere visto come una prova, un tempo per sbirciare, un taglio dentro di me. Siete pronti? Quindi iniziamo a giocare!

Ufficio stampa Piemonte dal Vivo
Mariateresa Forcelli forcelli@piemontedalvivo.it - 0114320794 - 3492194115
Alessandra Valsecchi valsecchi@piemontedalvivo.it - 0114320787 - 3403405184

Ufficio stampa Progetto Cantoregi
Paola Galletto pao.galleto@gmail.com - 3407892412
Ufficio correlato: EVENTI E MANIFESTAZIONI
Città di Racconigi - Piazza Carlo Alberto, 1 - 12035 Racconigi (CN)
  Tel: 0172.82.16.11   Fax: 0172.85.87.5
  Codice Fiscale: 00473170041   Partita IVA: 00473170041
  P.E.C.: comune.racconigi@cert.ruparpiemonte.it   Email: ufficio.protocollo@comune.racconigi.cn.it